Alloggi economici a Firenze | Aule universitarie | University Rooms
Country flags for UK, Spain, Germany, France, China and Italy Speedy Booker Partner Sites
56.214 revisori ci valutano 4,3 stelle 4,3 56.214 Reviews

I Clienti Hanno Valutato Il Nostro Sito Web 4,3/5

4,3
Basato su recensioni di 56.214
★★★★★
26.267
★★★★
23.648
★★★
5.404
★★
511
383

Solo i clienti autentici possono lasciare recensioni,
tramite una e-mail che inviamo loro dopo il loro soggiorno

Nuove foto in arrivo

INDIETRO
1/2
CHIUDI
2/2
CHIUDI

Dove :

Date

su:

Ospiti:

Sistemazione visitatori in residenze universitarie a Firenze

Non solo per gli studenti: chiunque può prenotare!

  • Le residenze universitarie offrono un'ottima alternativa ad un ostello o hotel economico a Firenze
  • Tutte le camere sono situate in posizione centrale, a pochi passi dalle principali attrazioni turistiche di questa bellissima città italiana
  • Camere luminose e moderne con angolo cottura
  • Alloggio a Firenze per soggiorni brevi o lunghi

Firenze informazioni visitatori

Per centinaia di anni Firenze è stata celebrata come una delle città più belle d’Italia. La sorprendente cupola della cattedrale del Brunelleschi domina il paesaggio urbano e, da vicino, la vista è ancora più mozzafiato, con il Duomo multicolore che si erge accanto al Battistero rivestito di marmo. Da qui, puoi passeggiare verso il fiume Arno e oltre l'ampio fiume è attraversato dal Ponte Vecchio medievale, fiancheggiato da negozi, con la bella chiesa di San Miniato al Monte che si erge orgogliosa sulla collina alle spalle.

Nessun'altra città europea può eguagliare l'offerta artistica di Firenze. La Galleria degli Uffizi è ospitata in quella che originariamente era stata costruita come la Sala Bianca dei Medici, il centro amministrativo della dinastia regnante, ed è la galleria d'arte più ricca e celebre d'Italia. Le mostre imperdibili includono l'Adorazione dei Magi di Gentile da Fabriano, la Primavera e la Nascita di Venere di Botticelli, i ritratti gemelli del Duca e della Duchessa di Urbino di Piero della Francesca e il Tondo Doni di Michelangelo.

La Specola è il museo di storia naturale dell'Università di Firenze, ospita un'affascinante collezione vecchio stile di esemplari botanici e zoologici. Le ultime stanze sono ciò per cui viene la maggior parte dei visitatori: una serie di modelli anatomici in cera sempre più raccapriccianti, scolpiti con dettagli strabilianti tra il 1775 e il 1791 come sussidi didattici per i medici in formazione.

L'area metropolitana di Firenze ha una serie di città e attrazioni che ti invoglieranno in una gita di un giorno dalla città o addirittura fungeranno da base per esplorare la regione. Gli autobus urbani corrono a nord-est fino al villaggio collinare di Fiesole, mentre i servizi interurbani corrono a sud verso le colline del Chianti, la principale regione vinicola italiana.

La storia di Firenze

La prima colonia romana in questo sito fu fondata nel 59 a.C. e si espanse rapidamente grazie al commercio lungo il fiume Arno. Nel VI secolo dC la città cadde nelle mani delle orde barbariche di Totila, poi dei Longobardi e infine dei Franchi di Carlo Magno.

Nel 1078 la contessa Matilde di Canossa curò la costruzione di nuove difese cittadine e nel 1115, anno della sua morte, concesse all'insediamento lo status di città indipendente.

Intorno al 1200 sorsero le prime Arti (Corporazioni) per promuovere gli interessi di commercianti e banchieri di fronte al conflitto tra la fazione ghibellina filo-imperiale e quella guelfa filo-papale. L'esclusione della nobiltà dal governo nel 1293 fu il cambiamento più drammatico in un programma di riforma politica che investì il potere nella Signoria, un consiglio formato dalle corporazioni maggiori. Il possente Palazzo della Signoria – oggi Palazzo Vecchio – fu innalzato come visibile dimostrazione del potere su una grande città: Firenze contava allora circa 100.000 abitanti, una fiorente area mercantile e un sistema bancario molto sviluppato (il fiorino era comune valuta in tutta Europa). I conflitti all'interno del campo guelfo segnarono l'inizio del XIV secolo, poi nel 1340 le due banche principali crollarono e colpì la peste nera, distruggendo fino alla metà degli abitanti della città.