Alloggi economici a Vienna, Austria | Aule universitarie | University Rooms
Country flags for UK, Spain, Germany, France, China and Italy Speedy Booker Partner Sites

INDIETRO
1/4
CHIUDI
2/4
CHIUDI
3/4
CHIUDI
Porzellaneum, Wien
Porzellaneum, Wien
Porzellaneum, Wien
4/4
CHIUDI
Bokuheim Wien, Wien
Bokuheim Wien, Wien
Bokuheim Wien, Wien

Dove :

Date

su:

Ospiti:

Nessuna disponibilità?

  • La disponibilità avviene soprattutto nel periodo delle vacanze estive (giugno, luglio, agosto, settembre), quando gli studenti liberano le stanze
  • Solitamente le stanze diventano disponibili due o tre mesi prima, quindi ti invitiamo a visitare nuovamente il sito web entro tale periodo se non c'è nulla di disponibile al momento

B&B e alloggi con angolo cottura nelle residenze studentesche di Vienna

Non solo per gli studenti: chiunque può prenotare!

  • Le residenze universitarie di Vienna rappresentano un modo conveniente ed economico per visitare la bellissima capitale dell'Austria: un'ottima alternativa a un hotel economico o un ostello a Vienna
  • Le camere spaziano da blocchi di alloggi moderni con angolo cottura, a camere B&B del XIX secolo
  • Sono tutti situati vicino al centro città e dispongono di ottimi collegamenti di trasporto, così potrai esplorare facilmente tutto ciò che la città ha da offrire

Revisioni per Wien

3,9
Basato su recensioni di 33
Camera
3,7
Valore
4,3
Cibo
3,1
Servizio
4,1
Nel complesso
4,0
★★★★★
10
★★★★
20
★★★
1
★★
1
1

Liked the location of Bokuheim, close to the city centre and exceeded our expectation for a budget accommodation. Very helpful reception staff. I will definatly return and use again Bokuheim and recommend it to my world.

Bokuheim Wien, Wien

Very positive experiance, value for money all the way, we very much enjoyed the stay with you!!!!!!! very friendly staff!!!!!

Porzellaneum, Wien

Overall value for money is excellent I will rebook again when needed

Porzellaneum, Wien

Excellent. Services and people. Thank you very much, I had a good good enjoyable visit. Sonia Nuñez

Porzellaneum, Wien

Wonderful place. Had the best sleep here in my 3 months in Europe. Would recommend it above any 3 or 4 starred hotel. Thankyou

Porzellaneum, Wien

Everything was amazing and it made my first visit to Vienna most enjoyable

Kolpinghaus Wien-Zentral, Wien

Wien informazioni visitatori

Informazioni per i visitatori di Vienna

Vienna è la capitale e la città più grande dell'Austria e uno dei nove stati federali dell'Austria. Vienna ha una popolazione di circa 1.731 milioni ed è di gran lunga la città più grande dell'Austria, nonché il suo centro culturale, economico e politico. È la nona città più grande per popolazione entro i confini della città nell'Unione Europea. Fino all'inizio del XX secolo era la più grande città di lingua tedesca del mondo e prima della scissione dell'Impero austro-ungarico durante la prima guerra mondiale la città contava 2 milioni di abitanti. Vienna ospita molte importanti organizzazioni internazionali, tra cui le Nazioni Unite e l'OPEC. La città si trova nell'est dell'Austria ed è vicina ai confini con la Repubblica Ceca, la Slovacchia e l'Ungheria. Queste regioni lavorano insieme in una regione di confine della Centropa europea. Insieme alla vicina Bratislava, Vienna forma una regione metropolitana con 3 milioni di abitanti. Nel 2001 il centro della città è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

Oltre ad essere considerata la città della musica per la sua eredità musicale, Vienna è anche detta "la città dei sogni" perché ospitò il primo psicoanalista del mondo: Sigmund Freud. Le radici della città affondano nei primi insediamenti celtici e romani che la trasformarono in una città medievale e barocca, capitale dell'Impero austro-ungarico. È noto per aver svolto un ruolo essenziale come principale centro musicale europeo, dalla grande epoca del classicismo viennese fino alla prima parte del XX secolo. Il centro storico di Vienna è ricco di complessi architettonici, tra cui castelli e giardini barocchi, nonché la "Ringstrasse" della fine del XIX secolo, fiancheggiata da magnifici edifici, monumenti e parchi.

In uno studio del 2005 su 127 città del mondo, l'Economist Intelligence Unit ha classificato la città al primo posto (in stretta collaborazione con Vancouver in Canada) come città più vivibili del mondo (nell'indagine del 2012 su 140 città Vienna si è classificata al secondo posto, dietro Melbourne in Australia ). Per quattro anni consecutivi (2009–2012), la società di consulenza in risorse umane Mercer ha classificato Vienna al primo posto nel suo sondaggio annuale sulla "Qualità della vita" condotto su centinaia di città in tutto il mondo. Il "Sondaggio sulla qualità della vita" di Monocle del 2012 ha classificato Vienna al quarto posto nell'elenco delle 25 migliori città del mondo "in cui creare una base" (rispetto alla sesta nel 2011 e all'ottava nel 2010).

La città si è classificata al primo posto a livello mondiale per la sua cultura dell'innovazione nel 2007 e nel 2008 e al quinto posto a livello globale (su 256 città) nell'Innovation Cities Index 2011, che ha analizzato 162 indicatori che coprivano 3 aree: cultura, infrastrutture e mercati. Vienna ospita regolarmente conferenze di pianificazione urbana ed è spesso utilizzata come caso di studio dagli urbanisti.

Ogni anno dal 2005 Vienna è la destinazione numero uno al mondo per congressi e convegni internazionali. Vienna attira circa cinque milioni di turisti ogni anno.

Alloggio nelle residenze universitarie di Vienna

La città ospita più di 20 università e molte residenze studentesche di proprietà indipendente offrono alloggi a prezzi accessibili nei mesi estivi. Dovrebbe essere chiaro che queste residenze sono progettate principalmente per gli studenti - alcuni di loro offrono già un alloggio fino a 3 stelle durante i mesi estivi - ma non per bambini o adulti che si aspettano un alto livello di lusso. Tuttavia, tenendo presente questo, le sale soddisfano un livello di comfort di cui ci aspettiamo che la maggior parte dei visitatori sia soddisfatta e saremo lieti di ricevere qualsiasi feedback laddove ciò non sia il caso.
Muoversi a Vienna

Ci sono treni molto frequenti da e per tutte le regioni e i paesi limitrofi. I treni notturni e i treni più veloci Euro-City arrivano praticamente da tutte le città dell'Europa centrale. I treni ad alta velocità ICE e RailJet arrivano da luoghi come Colonia, Francoforte, Amburgo, Berlino, Monaco di Baviera, Zurigo, Mosca, Kiev, Bratislava, Budapest, Praga, Lubiana, Zagabria, Rijeka, Belgrado, Bucarest, Sofia, Venezia, Milano, Roma e Zurigo. Ci sono treni regionali frequenti (almeno ogni ora) verso le regioni di confine ceche, slovacche e ungheresi.

Vienna ha una delle reti di trasporto pubblico meglio integrate d'Europa. I biglietti forfettari sono validi per treni, tram, autobus, metropolitana (U-Bahn) e treni regionali della S-Bahn. I servizi sono frequenti e raramente dovrai aspettare più di cinque o 10 minuti.
Il trasporto pubblico inizia intorno alle 5:00 o alle 6:00. Gli autobus e i tram terminano tra le 23:00 e mezzanotte, mentre i servizi della S-Bahn e della U-Bahn tra le 00:30 e l'1:00 del mattino. Ventuno linee di autobus Nightline attraversano la città dalle 00:30 alle 5:00. Schwedenplatz, Schottentor e l'Opera sono punti di partenza di numerosi servizi; cerca gli autobus e le fermate contrassegnate con una "N". Tutti i biglietti sono validi per i servizi Nightline.

Si consiglia vivamente ai visitatori di utilizzare i trasporti pubblici perché guidare a Vienna è più una seccatura che una comodità. Il parcheggio è difficile da trovare e costoso, soprattutto nelle zone più frequentate dai turisti. Esistono numerose strade a senso unico e talvolta è difficile per i nuovi arrivati capire quali strade corrono in quale direzione.

I visitatori che vogliono evitare i trasporti pubblici dovrebbero scegliere di spendere i propri soldi noleggiando un taxi, piuttosto che noleggiare un’auto e cercare di spostarsi da soli. I taxi sono dotati di tassametro e utilizzano tariffe standard relativamente economiche rispetto ad altre città europee. I viaggiatori dovrebbero sempre chiedere agli autisti le tariffe prima di accettare le corse, per essere sicuri che non verranno imbrogliati. In generale, però, i tassisti di Vienna sono competenti e corretti. Le persone noleggiano persino un taxi per portarli in tour in tutta la città.

La gente del posto preferisce le biciclette, quindi provale.

La storia di Wien

Storia di Vienna

La bassa pianura del Danubio dentro e intorno a quella che oggi è Vienna ha avuto una popolazione umana almeno dal tardo Paleolitico: uno dei manufatti più famosi della città, la Venere di Willendorf di 24.000 anni, ora nel Museo di Storia Naturale di Vienna , è stato trovato nelle vicinanze.

La storia documentata di Vienna iniziò con i Romani, che la fondarono nel I secolo d.C. come Vindobona, uno di una linea di avamposti difensivi romani contro le tribù germaniche. La guarnigione centrale di Vindobona si trovava sul sito di quello che oggi è l'Hoher Markt (il "Mercato Alto" a causa della sua relativa altezza sul Danubio), e ancora oggi è possibile vedere gli scavi delle sue fondamenta.

Vienna ospitò per diversi secoli la corte asburgica, prima come sede imperiale del Sacro Romano Impero, poi capitale dell'Impero austriaco e poi dell'Impero austro-ungarico, che cadde definitivamente nel 1918 con l'abdicazione dell'ultimo imperatore Carlo I. La corte ha influenzato enormemente la cultura che esiste qui anche oggi: i residenti di Vienna sono spesso eccessivamente formali, con piccole dosi di cortesia, modi educati di indirizzo e abiti formali. Uno dei tanti paradossi di questa bizzarra città è che i suoi residenti possono essere tanto moderni e progressisti quanto estremamente antiquati.

Gli imperi contribuirono anche a rendere Vienna una città metropolitana nei primi tempi, soprattutto durante gli anni dell'industrializzazione e della caduta dell'Impero austro-ungarico all'inizio del XX secolo. L'Austria imperiale e l'Austria-Ungheria erano imperi multilinguistici e multietnici e sebbene i germanofoni normalmente svolgessero il ruolo dominante a Vienna, nella città esiste da tempo una diversità etnica e linguistica. Ci sono prove che gli ebrei vivessero in città, risalenti al X secolo. Dopo la seconda guerra mondiale molte minoranze della città furono esiliate o uccise e gran parte della città giaceva in rovina. Quando all’Austria fu data la sovranità dopo l’occupazione del secondo dopoguerra, alla fine fu stabilito che l’Austria stava seguendo la strada dell’Ovest e non quella del Blocco Orientale. Così la città divenne più isolata dai suoi precedenti legami con i vicini slavi e ungheresi; l'est dell'Austria era circondato dalla cortina di ferro. Vienna era passata dall’essere una consolidata città metropolitana dell’Europa centrale alla capitale di una piccola nazione di stati prevalentemente di lingua tedesca con forti identità regionali.

Dalla formazione della prima Repubblica austriaca e dall'elezione del primo sindaco nel 1919, il Partito socialdemocratico austriaco ha avuto la maggioranza dei rappresentanti nel consiglio comune e ha controllato la sede del sindaco. Durante i primi anni, la Vienna Rossa socialista ("Rote Wien") rivoluzionò la città, migliorando le condizioni estreme che la rivoluzione industriale e la rapida urbanizzazione avevano creato. La cosa più famosa è che la città costruì molti progetti abitativi (complessi residenziali o "Gemeindebauten"), e iniziarono anche a offrire molti servizi sociali e apportarono miglioramenti a tutti i livelli nella qualità della vita. L'edilizia popolare costruita in quel periodo è oggi famosa per il suo stile inconfondibile. Ancora oggi la città continua a costruire case popolari e vi vive circa un terzo dei residenti, circa 600.000 persone. Ovviamente, grazie a questa percentuale elevata, la qualità e l'integrazione dell'edilizia pubblica in tutta la città hanno impedito che venisse stigmatizzata come nella maggior parte delle città. I viennesi sono abituati ad avere il governo della città nella loro vita e, ovviamente, hanno con esso un rapporto di amore-odio. Vienna funziona da sola come stato federale nel sistema austriaco (insieme ad altri 8 stati federali) e il senso di orgoglio locale e di casa è più quello di essere viennese che di essere austriaco, dicono molti.

Questo sito usa cookies. Clicca qui per visualizzare la nostra polizza sulla privacy. Se sei d`accordo continua a navigare. CLOSE