Alloggi economici a Salisburgo, Austria | Aule universitarie | University Rooms
Country flags for UK, Spain, Germany, France, China and Italy Speedy Booker Partner Sites
56.175 revisori ci valutano 4,3 stelle 4,3 56.175 Reviews

I Clienti Hanno Valutato Il Nostro Sito Web 4,3/5

4,3
Basato su recensioni di 56.175
★★★★★
26.245
★★★★
23.633
★★★
5.402
★★
511
383

Solo i clienti autentici possono lasciare recensioni,
tramite una e-mail che inviamo loro dopo il loro soggiorno

Nuove foto in arrivo

INDIETRO
1/4
CHIUDI
2/4
CHIUDI
3/4
CHIUDI
4/4
CHIUDI
Kolping-Hostel, Salzburg
Kolping-Hostel, Salzburg
Kolping-Hostel, Salzburg

Dove :

Date

su:

Ospiti:

B&B e alloggi con angolo cottura nei residence studenteschi di Salisburgo

Non solo per gli studenti: chiunque può prenotare!

  • Sistemazione dei visitatori in moderne camere con bagno privato nelle residenze universitarie di Salisburgo
  • Sia B&B che alloggi con angolo cottura, quindi c'è qualcosa per tutti
  • Queste camere rappresentano un'alternativa conveniente ed economica ad un hotel economico o ad un ostello a Salisburgo

Revisioni per Salzburg

3,8
Basato su recensioni di 5
Camera
3,8
Valore
4,0
Cibo
3,3
Servizio
3,8
Nel complesso
3,6
★★★★★
1
★★★★
3
★★★
1
★★
0
0

Salzburg informazioni visitatori

Salisburgo, letteralmente "Fortezza del sale", è la quarta città più grande dell'Austria e la capitale dello stato federale di Salisburgo. Il suo centro storico (Altstadt) vanta un'architettura barocca di fama internazionale ed è uno dei centri urbani meglio conservati a nord delle Alpi. Dal 1997 è inserito nell'elenco dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. Il compositore del XVIII secolo Wolfgang Amadeus Mozart è nato e cresciuto a Salisburgo e ha lavorato per gli arcivescovi dal 1769 al 1781. La sua casa natale e la sua residenza sono entrambe attrazioni turistiche, e la sua famiglia è sepolta nel cimitero di una piccola chiesa nel centro storico. A metà del XX secolo è stato anche l'ambientazione di alcune parti del musical e del film Tutti insieme appassionatamente.

Il numero di turisti supera di gran lunga quello della gente del posto nelle ore di punta. Oltre al luogo di nascita di Mozart menzionato sopra, altri luoghi degni di nota includono la Cattedrale di Salisburgo (Salzburger Dom), il Castello di Hohensalzburg (Festung Hohensalzburg), uno dei castelli più grandi d'Europa, la Residenzgalerie, un museo d'arte nella Residenz di Salisburgo, il Palazzo Mirabell, con i suoi ampi giardini pieni di fiori, il castello di Leopoldskron, un palazzo rococò e monumento storico nazionale a Leopoldskron-Moos, Hellbrunn, con i suoi parchi e castelli, tour operator di The Sound of Music, visite guidate alle location cinematografiche, Hangar-7, un edificio multifunzionale di proprietà della Red Bull, con una collezione di aerei storici, elicotteri e auto da corsa di Formula Uno, il castello di Anif, Schloss Klessheim, un palazzo e un casinò, precedentemente utilizzato da Adolf Hitler, Berghof, il rifugio di montagna di Hitler vicino a Berchtesgaden, Kehlsteinhaus, l'unico resto di Il Berghof di Hitler e il Salzkammergut, un'area di laghi a est della città.

Il Festival di Salisburgo è un famoso festival musicale che attira visitatori durante i mesi di luglio e agosto di ogni anno. Ogni anno intorno a Pasqua si tiene un piccolo Festival di Pasqua di Salisburgo.

Alloggio nelle residenze universitarie di Salisburgo

La città ospita 3 università e molte residenze studentesche di proprietà indipendente offrono alloggi a prezzi accessibili nei mesi estivi. Dovrebbe essere chiaro che queste residenze sono progettate principalmente per studenti e non per bambini o adulti che si aspettano un alto livello di lusso. Tuttavia, tenendo presente questo aspetto, le sale soddisfano un livello di comfort di cui ci aspettiamo che la maggior parte dei visitatori sia soddisfatta e saremo lieti di ricevere qualsiasi feedback laddove ciò non sia il caso.

Muoversi a Salisburgo

La città gode di collegamenti ferroviari completi, con frequenti treni est-ovest diretti a Vienna, Monaco, Innsbruck e Zurigo, compresi i servizi ICE giornalieri ad alta velocità. La città funge anche da hub per i treni diretti a sud attraverso le Alpi e verso l'Italia. L'aeroporto di Salisburgo offre voli di linea per molte città europee, come Francoforte, Vienna, Londra, Rotterdam, Amsterdam, Bruxelles, Düsseldorf e Zurigo, nonché Amburgo e Dublino. Nella città principale, il modo più semplice per spostarsi è il sistema di filobus e autobus di Salisburgo, con un totale di più di 20 linee e corse ogni 10 minuti. Salisburgo dispone di un sistema di S-Bahn con quattro linee (S1, S2, S3, S11): i treni partono dalla stazione centrale ogni mezz'ora e fanno parte della rete ÖBB.

La storia di Salzburg

Nella zona sono state rinvenute tracce di insediamenti umani risalenti al Neolitico. Sembra che i primi insediamenti a Salisburgo siano stati fondati dai Celti intorno al V secolo a.C. Intorno al 15 a.C. gli insediamenti separati furono fusi in un'unica città dall'Impero Romano. A quel tempo la città si chiamava Juvavum e nel 45 d.C. ottenne lo status di municipium romano. Si sviluppò in una città importante della provincia romana del Norico, ma dopo il crollo della frontiera declinò drasticamente e alla fine del VII secolo era "quasi in rovina". La Vita di San Ruperto attribuisce al santo dell'VIII secolo la rinascita della città. Il nome Salisburgo significa in realtà "castello del sale" e deriva dalle chiatte che trasportavano il sale sul fiume Salzach, che nell'VIII secolo erano soggette a pedaggio. L'indipendenza dalla Baviera fu assicurata alla fine del XIV secolo e la città fu sede dell'arcivescovado di Salisburgo, un principato vescovile del Sacro Romano Impero.

Dal 1772 al 1803, sotto l'arcivescovo Hieronymus Graf von Colloredo, la città divenne un centro del tardo Illuminismo, ma nel 1803 l'arcivescovado fu secolarizzato dall'imperatore Napoleone e ceduto a Ferdinando III di Toscana come elettorato di Salisburgo. Nel 1805 la città fu annessa all'Impero austriaco e nel 1809 il territorio di Salisburgo fu nuovamente ceduto al Regno di Baviera, in seguito alla sconfitta dell'Austria a Wagram. Nel 1815, al Congresso di Vienna, fu definitivamente restituito all'Austria, escludendo però Rupertigau e Berchtesgaden. Salisburgo venne poi integrata nella provincia del Salzach e nel Salisburghese, governato dalla città di Linz. Nel 1850 Salisburgo venne nuovamente restaurata come capitale del Ducato di Salisburgo, terra della corona dell'Impero austriaco. Nel 1866 la città divenne parte dell'Austria-Ungheria.

Nel 1918, in seguito alla prima guerra mondiale e alla dissoluzione dell'Impero austro-ungarico, Salisburgo, in quanto capitale di uno dei suoi territori, divenne parte della nuova Austria tedesca, rappresentando i residui territori di lingua tedesca del cuore austriaco. Tuttavia, questa fu sostituita dalla Prima Repubblica austriaca nel 1919, in seguito al Trattato di Versailles. Nel 1938, durante l'Anschluss, l'Austria, compresa la stessa Salisburgo, fu annessa al Terzo Reich tedesco: le truppe tedesche furono trasferite in città e oppositori politici, cittadini ebrei e altre minoranze furono presto arrestati e deportati. La sinagoga fu distrutta e nella zona furono organizzati molti campi di prigionia. Durante la seconda guerra mondiale qui si trovava anche il campo di concentramento di Salisburgo-Maxglan. I bombardamenti alleati distrussero migliaia di case e uccisero 550 abitanti. Le truppe americane entrarono a Salisburgo nel maggio 1945.